ACIDO FORMICO: Quello che non ci dicono

formic acid

Da qualche mese è stato legalizzato qui in italia, un nuovo tipo di trattamento anti-Varroa, l’acido formico in gel.
Viene privilegiato per il suo potere di efficacia nel fatto che penetra nella covata opercolata, quindi è l’unico in grado di uccidere le Varroe al suo interno.
Ma alle api non piace, ed è dimostrato dal fatto che creano una ”barba” all’esterno dell’arnia, se non peggio potrebbero sciamare. In altri casi cercano di spezzettarlo e di asportarlo aumentandone l’efficacia in tutta l’arnia.
Ma oltre tutti i rischi per l’operatore, tra i quali cancerogeno, corrosivo, irritante e sensibilizzante, c’è il rischio che nel tempo possa avere effetti mutageni sulle api …o sulla Varroa.
Questo perché è già stato studiato che l’acido formico ha già effetti mutegeni su cellule somatiche dei mammiferi (tra i quali l’uomo) oltre che sui batteri e lieviti. (Vedi ”formic acid mutagenic” su google)
Il farmaco è legalizzato ma serve la ricetta veterinaria, questo può significare che è una sperimentazione di massa e ancora non commercializzato definitivamente.
Stiamo attenti a ciò che usiamo e informiamoci prima su cosa stiamo usando nell’apicoltura come nella nostra vita personale.

QUI Trovate la scheda di sicurezza dell’acido formico http://www.sciencelab.com/msds.php?msdsId=9924100

è in inglese perché in quella italiana che trovate qui non è stata fatta alcuna prova di mutagenicità

Non dimenticatevi di iscrivervi per non perdere i prossimi articoli!

Annunci